Corteo anti fascista, 25 aprile 2019, articolo e video

 

E quindi cosa si fa?

Il 25 Aprile non c’è bisogno di celebrare ricorrenze, ma di battersi attivamente contro tutte le ineguaglianze sociali, le moratorie di sfratto, il razzismo, il sessismo e ogni altro tipo di sfruttamento.

 

E contro chi?

Ciò significa, ad esempio, opporsi alle politiche autoritarie, oscurantiste, nazionaliste e antisociali dei governi, come:

  • la legge Salvini e il D.d.L Pillon;
  • alle sparatorie legittimate e all’offensiva sull’aborto;
  • il carcere per blocchi stradali e occupazioni;
  • e tanto altro.

 

Per salvaguardare chi? E cosa?

La libertà di movimento e i migranti che sfidano mare e montagne per sfuggire all’inferno e per farsi una vita migliore. Salvaguardare gli spazi autogestiti e l’auto-organizzazione dalla speculazione e da chi vorrebbe città succubi delle solite lobby di potere che non si accontentano mai.

 

La manifestazione e il corteo

La manifestazione, voluta in contrasto con la festa nazionale del 25 aprile, si è svolta in modo pacifico e sereno, e ha visto la partecipazione di un migliaio di persone circa.

Il corteo è infine confluito nel Pratello a Bologna, rimpolpando quel luogo già stracolmo di persone. Presenti molte associazioni che si battono per la difesa dei diritti: SocialLogBologna, Vag61, XM24, e Laboratorio CRASH, tanto per citarne alcune.

 

I video dell’evento

Seguono qui sotto, i video pubblicati, gli altri li troverete sul mio canale YouTube e sul mio profilo FaceBook.

 

Post Scriptum

L’articolo è stato integrato con frammenti del mio secondo libro pubblicato da poco, FanKulo agli IDIOTI. Dal mio sito potete scaricarne l’anteprima . Per l’acquisto (in solo formato elettronico per ora) contattando l’autrice, oppure nei principali e-Book Store on-line, come ad esempio Google Book Store.

 

Seguimi

Rimani aggiornato

Author: marika

Lascia un commento