“La bellezza dell’intelligenza”, articolo

bellezza

Non solo…

“È anche quella peculiarità che mi fa sentire violentata nella mia mente ogni volta che mi puntate addosso lo stigma sociale, addossandomi con il solo vostro pensiero, il ruolo di “prostituta”, solo perché donna transessuale; oppure perché devo limitare la mia felicità e i miei atteggiamenti per adeguarmi al retaggio culturale imposto che vuole che, una persona fisicamente quarantenne, non possa vestirsi da troi* o da quattordicenne! E che di conseguenza mi fa rispondere male o in maniera aggressiva a queste persone che mi offendono, anche laddove e con chi vorrei essere calma e pacata.

“Questa è

la quintessenziale fonte della mia massima forza e della mia massima debolezza”.

E, se voi non comprendete questo mio stato di cose, allora siete voi ad avere seri problemi, poiché siete affetti da quella che in ambito psichiatrico è definita come “Dissonanza cognitiva”:

acquisite l’informazione corretta a livello conscio, ma il vostro retaggio culturale, pensieri, opinioni e condotte; le vostre emozioni, stereotipi, paranoie, esperienze, paure e inganni mentali, prendono il sopravvento su ciò che è definita “coscienza” e che, se l’aveste davvero, vi consentirebbe di rapportarvi a me in maniera diversa, rispettandomi. Quindi siete voi da ricovero.

 

Per cui

Se vorrete trovarmi in fallo, d’ora in poi sapete dove cercarmi. Ma sappiate che a me non fregherà un ca**o di ciò che penserete o farete, poiché, le persone come me,

o le amate, o le uccidete!

Ed io sono già morta troppe volte

per permettervi di uccidermi ancora!

Per cui vi dirò:

“io non permetterò mai più a nessuno di perseguitarmi o ferirmi. Crescete e prendete coscienza che quando mi incontrate, se proprio non sopportate la mia presenza, siete voi a dover cambiare strada, non io.”

 

Fonte dell’articolo

L’articolo è stato integrato con frammenti del mio secondo libro “FanKulo agli IDIOTI”, Nenna Matteo Editore, febbraio 2018.

Acquistalo su StreetLib

 

Note

[1] Interiorizzare è assimilare, assorbire, fare proprio: significa trasferire nella propria interiorità, cioè nella coscienza, dati, valori e norme.

Seguimi

Rimani aggiornato

Author: MKDeS

Lascia un commento