Onda del mare, Poesia

onda del mare

 

Poesia “Onda del mare”

 

Realizzazione

Scaturita da un estro sempre in fermento, una nuova poesia dell’autrice transessuale più amata al mondo.

 

Il tema  

Un invito all’onda tempestosa dell’amore, a posarsi sulle rive di una spiaggia unica al mondo nel suo genere.

 

Prima pubblicazione

La poesia è inedita: è pubblicata qui sul sito per la prima volta.

 

CopyRight & CopyLeft

Vi ricordo che le opere sono di proprietà (CopyRight) dell’autrice che ne detiene tutti i diritti. 

Per quanto riguarda le poesie pubblicate in forma libera (articoli e anteprime del libro di poesie), vige il seguente CopyLeft:

  • è ammessa la libera circolazione nel solo ambito privato. A tale scopo, vanno sempre indicate fonte e autrice dell’opera;
  • la pubblicazione su siti, articoli e libri, come anche per scopo commerciale e rappresentativo (teatro, in presenza di pubblico, etc.), è tassativamente vietata se non dopo esplicita autorizzazione dell’autrice.

Per qualsiasi altra informazione e dubbio, siete invitati a contattarmi all’indirizzo marika-desantis@hotmail.it .

 

Ora veniamo alla poesia

“Onda del mare”

A te che muovi furtiva nella notte,
e dopo aver tirato invano a sorte,
tra i contendenti che sfruttan ti a frotte,
sconsolata, infine

vieni a guardar il mio stato whatsapp a mezzanotte.

A te onda dorata che tra le altre,
ti distingui per il sibilo che emetti,
e che fai quando sulla riva,
sbatti forte tanto da far tremare tutte le fronde,

quelle dell’isola di cui eternamente fai parte.

Non t’accorgi di quant’inutile e impari sia la lotta?
Quella che ogni giorno t’infrange in mezzo a comuni rocce?
Se mi vuoi, ti basta allungar la mano, come per raccoglier frutti.

E siccome sei fatta a gocce,
per prendermi, basta solo che ti posi sulle mie sponde,
a dimostrarmi almeno una volta che fra tutte,
tu sei l’unica che può consolare la mia sete.

Sete d’amore e di voluttà,
sete che nessuno potrà sedare,
e che da quando m’hai ripudiata,
nessuno ha mai placata.

Smetti di combattere e vienimi a prendere,
perché io isola sono e da qui non mi muovo:
per esser felice e viver senza più stenti,
solo d’aver sbagliato dovrai fare ammendi.

Interpretazione

L’autrice ha deciso per una libera e spontanea interpretazione da parte dei lettori.

 

Inedita

Non è ancora inserita nel libro di poesie, “Poesie d’odio e d’amore per un mondo senza più un briciolo di quore”.

Condividi su:

Lascia un commento